Illuminazione nei luoghi di lavoro: come migliorarla

Illuminazione nei luoghi di lavoro: come migliorarla

Contare su una buona illuminazione all’interno dei luoghi di lavoro è un fattore estremamente importante per garantire la salute di dipendenti e collaboratori. I disturbi alla vista possono essere facilmente riscontrati tra gli addetti ai videoterminali, che passano molto tempo di fronte a schermi PC e i cui effetti più frequenti sono: bruciore, lacrimazione, secchezza, fastidio alla luce, pesantezza, visione annebbiata, visione sdoppiata, stanchezza alla lettura.

La causa di tali disturbi è imputabile a vari fattori come il posizionamento errato degli schermi rispetto alla fonte di luce primaria, sia essa naturale o artificiale. Questo di solito genera abbagliamenti, contrasti chiaro-scuri e/o riflessi fastidiosi. Un’altra possibile causa è dovuta ad una scarsa o inadeguata illuminazione, che provoca uno sforzo prolungato di adattamento degli occhi a condizioni di vista sfavorevoli, oltre alla mancanza di lampade antiabbagliamento con indice UGR superiore a 19.

La vista può affaticarsi anche per postazioni di lavoro non corrette; illuminazione dello schermo regolata in modo errato, contrasti insufficienti e software con caratteri troppo piccoli e illeggibili sono un classico esempio. Inutile dire che tutto ciò sollecita l’apparato visivo e gli organi della vista creando un rapido affaticamento.

LA SOLUZIONE

Il primo passo è quello di progettare o riorganizzare la postazione di lavoro che eviti quanto più possibile le cause sopra descritte, quindi partiamo sempre da un’illuminazione adeguata.

È necessario procedere con uno studio illuminotecnico, in grado di determinare i lux necessari per l’ambiente di lavoro e in accordo con la “tabella dei valori di illuminazione in ambienti di lavoro”.

Le norme che regolano i livelli di illuminazione negli ambienti di lavoro sono state stabilite da direttive europee:

«Illuminazione di luoghi di lavoro in interni», EN 12464-1 (giugno 2011)

«Illuminazione di luoghi di lavoro in esterni», EN 12464-2 (ottobre 2007)

«Illuminazione di strutture sportive», EN 12193 (aprile 2008)

Nelle zone di passaggio sono sufficienti livelli inferiori di illuminazioni rispetto agli ambienti sanitari, dove invece è necessaria una maggiore illuminazione. Qualora invece si realizzino lavori di precisione, le soglie minime di illuminazione devono essere molto più elevate.

Ricapitolando, la quantità di LUX e il livello UGR (Unified Glare Rating o indice di abbagliamento unificato) devono variare a seconda della tipologia di lavoro da effettuare. Conseguentemente, è necessario decidere se preferire un’illuminazione diretta, indiretta o mista e se naturale, mista o artificiale.

Per quanto riguarda gli uffici, per chi lavora per molte ore al PC o con apparecchiature particolari è indispensabile un grado di UGR inferiore a 19. Inoltre, a seconda della tipologia di lavorazioni o a seconda di cosa desideriamo illuminare, i gradi Kelvin (K) dovranno variare. Più bassa è la temperatura colore e più calda risulterà l’illuminazione, di contro più alta sarà la temperatura colore e più fredda risulterà. Per molte attività è necessario avere una visione esatta dei colori, per cui il colore della luce naturale ottenibile con il grado di 4.000k risulterà il più adeguato.

Sapevi che grazie al noleggio operativo puoi sostituire i vecchi corpi luce della tua azienda con i LED, senza nessun investimento iniziale? Richiedici una consulenza gratuita!